Le tante facce della sofferenza di un figlio nei casi di separazione

2 Ago

In tutti i casi di separazione , prima di tutto vanno rispettati i figli . Non li rispetta chi non tiene in considerazione loro, chi li strumentalizza per vendicarsi di vecchi rancori o chi non accetta la separazione stessa. Non li rispetta chi non li ascolta e chi pensa che se un bambino parla male di un genitore allora va subito tolto da quel genitore senza ave appurato nulla. Non li rispetta chi , di fronte ad una alta conflittualità genitoriale , li porta via creandogli un nuovo trauma. Non li rispetta chi inquisisce il padre o la madre in modo superficiale facendo sentire cosi al figlio/i l’angoscia di avere un genitore sbagliato. Non li rispetta chi chiede loro di scegliere tra mamma e papà , chi li lascia soli ad avere paura di non vedere più uno dei due o tutti e due.
Non li rispetta chi bolla uno dei genitori di fronte ai figli come pazzo/a , cattivo/a , egoista, traditore . I bambini e i ragazzi devono sentire che quel padre e quella madre li amano anche se sono stati coniugi sbagliati con tanti errori compiuti anche a volte gravi. Nessuno deve fare in modo di intaccare la figura genitoriale all’interno di un figlio . Quel bambino/ragazzo sarà l’uomo/donna del domani e non saprà esserlo in modo stabile ed equilibrato se qualcuno o anche un genitore stesso gli avesse tolto uno dei punti fondamentali per una crescita sana. Se una famiglia è conflittuale va aiutata all’interno non allontanando nessuno . Il professionista ,stando all’interno, monitorando , facendo colloqui , seguendo la famiglia anche se separata senza ovviamente schierarsi potrà arginare un’eventuale strumentalizzazione dei figli , potrà contenere il genitore che vuole demolire l’altro agli occhi dei figli .E se ancora in Italia non esiste questa figura professionale . quella del Coordinatore genitoriale ,nessuno , se non di fronte a gravi violenze , può decidere di staccare un figlio dai genitori .Basta approfondire caso per caso ed intervenire su chi sta interferendo con la vita di quella famiglia senza dare spazi ad abusi di potere o calunnie che non portano altro che a finte chimere di potere e ottengono solo tanta sofferenza non richiesta e pericolosa in tutti , in particolare nei figli.

Dottsssa Stefania Jade Trucchi

2 Risposte to “Le tante facce della sofferenza di un figlio nei casi di separazione”

  1. Daniela Mencoboni 9 agosto 2015 a 5:30 PM #

    La figura del coordinatore genitoriale non esiste, ma ci sono comunque figure professionali specializzate a sostegno della famiglia separata. Ma come fare quando un genitore si oppone agli incontri?

    Mi piace

    • Buongiorno purtroppo non si puo’ obbligare un genitore agli incontri , alcuni poi non sono affatto alla ricerca di un riequilibrio ma anzi vogliono proseguire nel conflitto. Cerchi di essere lei almeno un punto di riferimento stabile sperando che l’ altro cambi idea

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: